Preappello dell’ Esame orale di avvocato superato con successo, ecco le domande.

liberlex

Carmelo Impusino, 31 anni. Avvocato e blogger., specializzazione in Diritto e Management Sanitario (Master II Liv. Unical). Radicale, liberale, libertario.

You may also like...

33 Responses

  1. herr doktor scrive:

    beh … complimenti!

  2. moadib978 scrive:

    Ti faccio anche io i miei migliori complimenti, anche se con un poco di amarezza, in quanto constato la diversità di svolgimento della prova orale tra le varie corti di appello…
    Solo un piccolo esempio, ho cercato anche io qualche testo simile alla “Guida all’Esame Orale per la professione di Avvocato” e mi sono recato in una delle migliori librerie giuridiche di Milano.
    Appena hanno capito che DAVVERO volevo utilizzarlo per preparare l’esame orale, mi hanno riso in faccia…dicendomi testualmente: “quei libri si usano da Roma in giù”…che dici, sarà solo vox populi??? … ciao e tanti complimenti ancora :) ))

  3. Mari scrive:

    Congratulazioni! Peccato, però, che a me la tua CdA il sogno di superare l’esame me lo ha letteralmente infranto questo anno.
    E mi toccherà ricominciare ancora una volta!

  4. liberlex scrive:

    Per Moadib978:
    Ti dico che puoi stare tranquilla, perchè se sai il minimo ( un pò di tutto) riesci comunque a prendere 6 in tutte le materie ( quindi 180 punti). Se studi su quel testo puoi superare tranquillamente l’esame, l’importante è conoscerne pure le virgole. Credi che gli avvocati della Commissione ne sappiano più di te? O credi che giudici che lavorano da un sacco di anni ricordino la teoria dettagliatamente ? I professori universitari, poi, di solito danno forfait. Io ti consiglio di studiarti bene quel Manuale breve e di avere una bella infarinatura su tutto ( oltretutto non è affatto vero che gli argomenti non siano trattati in maniera sufficientemente dettagliata).
    L’alternativa è studiare materia per materia su testi universitari. Ma siamo certi poi di essere capaci di ricordare tutto e non fare confusione? L’importante all’esame è innanzitutto parlare e non restare muti, qualsiasi cosa ti chiedono tu devi saperla abbozzare ( e improvvisare se necessario) . Meglio sapere un pò di tutto e poter parlare di un argomento 5 minuti invece di non sapere parte del programma. Comunque non ti preoccupare, il peggio è passato una volta superato lo scritto ! Devi avere fiducia in te, ti assicuro che ne saprai di più di chi ti interrogherà se ti preparerai.
    Un grande in bocca al lupo !!!

  5. liberlex scrive:

    Per Mari
    Mi dispiace tantissimo, anche perchè i criteri di bocciatura o promozione sono sempre molto discutibili e tante volte l’impressione è che i compiti neanche li correggano. Reggio Calabria ha promosso il 60%, Lecce ha ricambiato con il 52% quest’anno, quindi è stata più cattivella della nostra Corte d’Appello. E’ tutta questione di fortuna purtroppo, spero tu possa farcela prestissimo.

  6. Joey scrive:

    Complimenti. Anche io dovrò sostenere l’orale a Reggio Calabria dopo l’estate. Speriamo vada tutto bene. Mi consigli quindi il Manualone della Tribuna per studiare le materie per l’orale? Io volevo prendere quello della Simone ma mi hanno detto che è in corso di stampa. Inoltre per la procedura civile volevo prepararla su un manuale un pò più completo. Che ne pensi? Ciao e complimenti ancora!

  7. liberlex scrive:

    Si, ti consiglio il Manuale della Tribuna, anche perchè è aggiornato addirittura al pacchetto sicurezza 2009 ( che è diventato legge con pubblicazione sulla G.U. il 24 luglio). Per quanto ne so è l’unico che sia in distribuzione già da qualche settimana.
    Se vuoi approfondire qualche materia ti consiglio i manuali brevi della Giuffrè ( c’è anche di procedura civile). Contengono una parte teorica aprofondita e poi una parte finale con circa 120-150 domande ( per ciascuna della quale il libro fornisce un’esauriente risposta).
    In bocca al lupo collega ! Andrà tutto bene, l’importante è parlare il più possibile (anche improvvisando se necessario).

  8. Ciro scrive:

    Salve a tutti volevo rispondere a moadib978.
    In questi giorni mi sono spesso imbattuto in giro per il web in dichiarazioni come le sue. Cioè nel fatto che al sud ci si laurea con piu’ facilità o che si è piu’ larghi di voti o altre caxxxate del genere.
    Parlavi di vox populi?? quale vox? quella della padania?
    Se parlassi con un po’ di cognizione di causa sapresti che un importante esponente di un importante agenzia della tua terra ha stilato una classifica delle piu’ prestigiose università italiane e nei primi posti ci sono tutte università del centro sud. Quella di milano non è neppure citata. Ti diro’ di piu’: la classifica è stata stilata in base alle personalità che sono uscite dalle varie uni e in base alla strada che hanno fatto nella vita REALE. Quindi cari amici scorciatevi le maniche e studiate invece che sentire le vox populi, poichè facile o difficile una volta diventato avvocato dovrai dimostrare il tuo valore nella società.

  9. Ciro scrive:

    ah un’altra cosa ancora… il dipendente di quella libreria di cui parlavi i libri li tiene sullo scaffale per bellezza? non gli hai chiesto perchè li comprano se poi consigliano ai loro clienti di non comprarli?
    Magari gli potevi far notare ogni tanto di aprirli invece di riderci sopra.

  10. liberlex scrive:

    Intervengo giusto per quotare in tutto e per tutto Ciro. Non è per vantare la mia terra , ma i migliori avvocati italiani sono tutti meridionali, e questo qualcosa vorrà dire. Altro che lauree o abilitazioni facili, qui da almeno cinque-sei anni l’esame d’avvocato è un inferno ( e mentre a Milano generalmente passavano allo scritto col 50/60% qui ci fermavamo al 33%).
    Quest’anno che siamo saliti al 52% tutti giù a parlare male di Reggio Calabria, ma gli anni scorsi ce li siamo dimenticati? E comunque per quel che mi riguarda meritavano di essere promossi almeno il 70% dei partecipanti, la preparazione dimostrata dai candidati è stata altissima.

  11. liberlex scrive:

    In ogni caso grazie dei tuoi interventi Ciro, è stato un piacere leggere le tue parole ( volevo evitare di esprimermi in prima persona, ma dato che lo hai fatto tu ti stringo la mano virtualmente).

  12. Eva scrive:

    Complimenti e sinceri auguri per il tuo esame! Leggendo il tuo intervento mi sono rincuorata e non poco! Sto studiando anche io sul manualone della Tribuna, ed a causa delle opinioni discordanti raccolte sul web in merito a questa tipologia di testi, mi ero alquanto preoccupata! Ma il tempo è poco e come te penso sia importante avere le idee molto chiare ed approfondire qualche materia più importante (io per esempio, vorrei comprare un testo più corposo per la procedura civile)! In ogni caso, incrocio le dita!
    Ancora auguri! A presto

  13. liberlex scrive:

    In bocca al lupo, Eva. Sta tranquilla, ce la farai, basta sapere un pò di tutto !!!

  14. francesco scrive:

    per diritto penale che ho poco tempo su che tresto mi consigli di prepararlo?grazie
    e auguri

  15. liberlex scrive:

    Ciao Francesco. Ti consiglio sempre questo testo, sul quale ho studiato: “Guida all’Esame Orale per la professione di Avvocato” di CELT ( Casa Editrice La Tribuna). E’ aggiornato al pacchetto sicurezza. Imparalo per bene tutto e puoi stare tranquillo, saprai un pò di ogni cosa che potranno domandarti. E sarà certamente sufficiente.

  16. alessiab5 scrive:

    Ciao a tutti io avrò l esame a reggio calabria?
    Qualcuno che ha vauto la possibilità di assistere al preappellopotrebbe postare qlke domanda.
    Io porterò proc civ civ dip comunitario e costituzionale.

    Grazie della collaborazione…..x quanto mi riguarda sn terrorizzata non riesco a immaginare come si possa sapere tutto. Che disperazione.

  17. alessiab5 scrive:

    Scusate ho scritto come una vera idiota!!!! Si vede che già i miei neuroni sn in crisi!!!!!!!

  18. liberlex scrive:

    Ciao Alessia. Purtroppo ho avuto materie molto diverse, ho in comune con te solo costituzionale ( e le domande sono in alto nell’articolo se ti servono). Spero che qualche lettore possa darti una mano, io sono stato interrogato per primo il primo giorno del preappello e non ho seguito altri esami.

  19. alessiab5 scrive:

    Certo….hai ragione!!!!!!
    Grazie comunque….io sto in megacrisi!!!!!!!!!!!!

  20. nino scrive:

    Ciao Liberlex

    io devo scegliere le materie per l’esame di abilitazione.

    ho pensato Diritto processuale penale, deontologia, diritto costituzionale, diritto ecclesiastico, diritto cominutario e diritto internazionale privato.
    Vanno bene? O la commissione farà problemi?
    farò esami a Palermo.

    e su qauli testi studiare?

  21. liberlex scrive:

    Ciao Nino. Vanno benissimo le materie, e nessuno muoverà delle obiezioni. Per il testo io ho studiato sul manuale Celt (edizione La Tribuna). Ma sono tutti uguali e più o meno buoni, l’importante è sapersi destreggiare sufficiente in ogni argomento delle materie scelte. In bocca al lupo per i tuoi esami !

  22. moadib978 scrive:

    Ciao a tutti,
    torno qui dopo aver superato con successo l’esame orale presso la C.d.A. di Milano.
    Quindi prima di tutto, tanti saluti al collega avv. Impusino :) )))
    Intervengo perchè dai commenti, a dire il vero ormai datati, sono stato tacciato di essere un padano “generalista” …
    La misitificazione è davvero grande, visto che vado fiero delle mie origini partenopee e che mai e poi mai il mio pensiero potrà allinearsi sulle logiche – anzi, illogiche- padane. Teorie e idee che schifo con il massimo disprezzo.
    Detto questo però vi chiedo di essere realisti, tecncici e giusti, pertanto mi accingo a descrivervi sinteticamente il mio esame.
    Prima però un pò di matematica: percentuali degli ammessi all’orale 27% …all’orale sistematica bocciatura del 50% dei candidati.
    Risultato finale 13%, come da prospetto allegato alla rivista “previdenza forense”, tra il 13 e il 15% ogni anno dal 2004 …
    L’esame orale in concreto:
    - proc.civ. : competenza, regime della relativa eccezione dopo la L. 69/09, opposizione tardiva a d.i. (650 c.p.), caso concreto di opposizione a d.i. non iscritta a ruolo cosa succede al decreto.
    - civile: il contratto preliminare, gli effetti anticipati, il regime di trascrizione dal 2006. Rappresentanza, falsus procurator e affidamento dei terzi, abuso e confilitto di potere. Poi sinceramente un altra domanda che non ricordo, comunque era tutto un ragionamento che conchiudeva sugli effetti per i terzi in buona fede.
    - ecclesiastico: la cei, il matrimonio concordatario, il ruolo dell’allora p.d.consiglio nell’accordo dell’84.
    - lavoro: qualifica e mansioni, demansionamento, mobbing.
    - costituzionale: referendum abrogativo, tutto nello specifico, limiti etc etc. Atti aventi forza di legge, limiti alla delega legislativa. Art. 111 cost e i procedimenti contro l’eccessiva durata del proc. (quello comunitario e quello interno…legge pinto…).
    - deontologia: obbligo di competenza dell’avvocato. Su questa ultima domanda ho inventato, forse pure troppo, il Presidente ha mangiato la foglia e infatti ho trovato sul “foglietto” una unica insufficenza compensata dal voto alto in diritto civile.
    Esperienza abbastanza traumatizzante, 2 ore di follia (ma che senso ha chiedere quanti giorni devono rimanere appese le pubblicazioni alla porta della parrocchia???)…
    La mia impressione è che sia solo un meccanismo aleatorio. Ti siedi e parti da “bocciatissimo” e piano piano devi guadagnarti la soglia della sufficienza.
    Non ci sono criteri precostituiti, nella pura discrezionalità dei commissari.
    Questa è la c.d.a. di Milano, 15% di idonei alla fine della procedura, ID EST.
    Saluti a tutti, Avv. Muàdib :) )))

  23. ReNero scrive:

    NON dubito sulla tua sufficiente preparazione, però A Reggio Calabria e al sud, è tutto più facile!
    Lo dimostra il fatto che tu abbia raggiunto il punteggio di 270 su 300…studiando su un manuale unico..cosa assolutamente incompatibile con una votazione così alta..!!!

    Io a Roma (sottolineo ROMA) con un esame perfetto (senza sbavature, errori, complimenti per gli scritti etc etc) ieri ho raggiunto ieri solo 190 nonostante preparazione di procedura penale sul mauale univ. di Tonini e preparazione sopra la media in diritto penale a livello di mauale universitario fiandaca-musco.

    Per non parlare poi delle alte percentuali dei promossi al sud rispetto al nord..al sud l’esame di avvocato è sempre stato una pagliacciata !!!
    Un mio amico lo hanno fatto passare a napoli nonostante lavorasse a tempo pieno e non avesse aperto libro.

    Solo chi ha passato l’esame a roma o milano può dire di averlo meritato, al sud nonostante vi sia una grande tradizione di giuristi avvocati l’esame di avvocato lo regalano…

  24. ReNero scrive:

    io trovo inquietante che un tizio di loda e si felicita di aver preso 270/300 avendo studiato su un testo unico..cosa che a roma o milano sarebbe fantascienza..ripeto…il sud (con tutto il rispetto e l’amore che ho per il sud) è il male degli avvocati…prima ha formato generazioni di incompetenti tramite l’esame a catanzaro e ora continuano a regalare gli esami…vergogna. Io a roma 190 ma meritavo di più avendo azzittito tutta la commissione con un ora di risposte esatte e senza tregua

  25. liberlex scrive:

    Renero, a prescindere dal testo unico sul quale ho studiato (tutte le materie tranne costituzionale e lavoro) ti voglio far notare che per procedura penale e penale neanche se studi 10 anni riesci ad avere la preparazione di uno che opera da Napoli in giù. Il diritto penale si impara qui, e si impara soprattutto nei tribunali, e sono state le uniche due materie che ho dovuto studiare sul manuale unico solo di striscio, perchè le ho respirate sul campo di battaglia. Hai mai avuto a che fare nel tuo praticantato con sequestri di persona, con faide, con omicidi, associazioni a delinquere di stampo mafioso ? E se le hai affrontate, quante te ne sono capitate? Ti assicuro che con un buon praticantato qui i libri puoi pure evitare di aprirli per l’esame.
    E oltretutto non è colpa mia se ho una predisposizione spiccata che mi consente di affrontare al meglio gli esami. Quella è una dote naturale, c’è chi non arriva a certi risultati neppure studiando per anni. Sono penoso in altri campi, ma nello studio mi basta poco per rendere tanto. Quindi inutile incazzarti per il mio 270, e anzi ringrazia che l’esame l’hai superato, hai preso poco meno del minimo, quindi tutto sto genio non lo sei di certo.

  26. Renero scrive:

    Mi tocca editare questo commente razzista scritto dall’utente Renero, che non merita spazio in questo sito.

  27. nikita scrive:

    Questa storia della maggiore difficoltà nelle Corti d’Appello settentrionali è a dir poco ridicola.
    Mi sono laureata a Napoli (Federico II) dove si studia molto di più che nelle università del Nord: ho amici milanesi che hanno studiato programmi 10 volte più facili di quelli napoletani.
    Il fatto è che, se ne siamo di più a superare gli orali dell’esame di avvocato è perchè ci arriviamo più preparati rispetto ai milanesi, già a partire dalle conoscenze universitarie!!!
    ps. sono così facili le domande che hanno sottoposto ai nostri illuminati colleghi milanesi o ho letto male?

  28. liberlex scrive:

    Effettivamente un conto è laurearsi in Giurisprudenza a Napoli, a Messina , e un altro invece a Urbino, a Camerino, o in atenei del Nord. Persino Bologna è molto scaduta per qualità di insegnamento.
    Tutta questa spocchia “nordista” non ha alcuna ragione di esistere.

  29. LUIGI scrive:

    Be, un solo dato: a catanzaro e nel profondo sud fino a 8 anni fa si traferivano in massa perchè la promozione era alla portata di tutti -diventavano avvocati proprio tutti, gelmini docet-.
    Al sud lauree e titoli si regalano, un pò perchè cosi le università respirano ed hanno soldi, e poi perchè, pur essendo gli avvocati sfornati scadenti, andranno cmq a lavorare al nord.
    Giù un avvocato prende nella maggior parte dei casi 600 euro al mese in nero, tranne ovviamente gli avvocati dei mafiosi di cui il sud è pieno.
    Perciò vengono su a portare la loro incompetenza.
    Se la professione legale è inflazionata è colpa del sud, che sforna avvocati e laureati come panini

  30. LUIGI scrive:

    Insomma, liberlex, qui da me non so che futuro avresti come avvocato, fermo restando che non è l’esame farsa a fare un buon avvocato ma la pratica.
    Magari tu che sei un calabrese avrai visto tanti casi di mafia, gente uccisa e cose del genere, ma dubito che tu sappia portare avanti una causa per bancarotta fraudolenta o materie più nobili.
    Qui al nord non c è certo la mafia, gli omicidi non sono all’ordine del giorno, ma si ha a che fare con un diritto più nobile, il penale commerciale, senza trascurare i reati legari alla criminalità meridionale ed extracomunitaria di cui, ahimè, il nord è cmq pieno.
    Quindi stai tranquillo che Milano non ha nulla da invidiare a napoli o palermo o catania.
    Non esportiamo immondizia, nei nostri palazzi non trovano carcasse umane e, soprattutto, il titolo non lo si regala a chi studia su libri come i tuoi.

  31. LUIGI scrive:

    Un’ultima cosa: guarda che milano fa passare il 20%, reggio calabria il 60%.
    I dati che hai riportati dove li hai letti, sui bigini su cui hai studiato?
    Mah, vabbè, credete ciò che volete, ma quando leggo boiate come quelle che scrivete, quando dite che le università meridionali sono serie, che giù il titolo di avvocato si suda, beh, mi viene da sorridere… ma poi non posso che pensare al vostro spirito meridionale, alla vostra goliardia e voglia di scherzare sempre -state scherzando vero parlando della serietà delle università delsud e della difficoltà dell esame in calabria, vero?- e allora penso….E VABBUON, QUA NISSUN E FESS, OLE, MARADONA E NAPULè!! :-)

    Ah, un’ultima cosa; come mai i compiti vengono corretti da corti di appello di altri capoluoghi?
    Ricordate lo scandalo sollevato da Demagistris all esame di avvocato? In che città era avvenuto? MILANO, BRESCIA, BOLOGNA o…..CATANZARO?

  32. Tipinja scrive:

    Mi sono imbattuta in questa pagina in modo del tutto fortuito, come tutti penso.
    Dopo aver leto alcuni dei vostri post non potevo proprio non intervenire.
    Mi rendo conto di quanto possano essere infantili alcune prese di posizioni improntate sulla falsariga della presunta “diversità” tra metodi di studio e criteri di valutazione tra il “Glorioso” Nord e lo ” scadente” Sud.
    Io sono siciliana, e sinceramente non mi preme sottolineare quanto io sia orgogliosa delle mie origini ( sarebbe un’informazione superflua e irrilevante), mi interessa, piuttosto, esprimere il mio parere/ sdegno per quanto è stato detto in merito alle Università meridionali.
    ReNero, Luigi ma vi rendete conto di quello che dite o imporovvisate boiate a giustificazione dei “pessimi” risultati ottenuti dalle Università del Glorioso ed Eroico Nord?!
    Mi parlate di Diritto Nobile e della scarsa incidenza di omicidi nella vostra bella terra ahahahaa… scusate la risata è che certe cose mi mettono davvero di buon umore! …
    Al nord si uccide di meno .. potreste postarmi please la fonte a cui attingere per immergermi in questa suprema rivelazione !?
    Guarda, se mi avessi detto che i moventi sono diversi, avremmo potuto parlarne e, attraverso un confronto “costruttivo”, forse, saremmo arrivati a “tirare le conclusioni” di un argomenti dagli spunti interessanti… ma date le premesse, nn c’è nulla di cui valga la pena parlare.
    Per il resto… le affermazioni di molti mi sembrano così “infantili” che sarebbe anche mortificante replicare… mi sentirei coinvolta in una discussione tra compagnetti di banco che discutono sulle pretese qualità dei rispettivi pastelli ( non so se rendo l’idea).
    Mi preme dire un’ultima cosa: ma vale davvero la pena perdere tempo a portare avanti una lotta ideologica contro il Sud ?
    Non sarebbe più facile prendere coscienza delle necessarie diversità tra le regioni e, in termini assolutamente pacifici, analizzare i punti di divergenza?
    E’ così difficile ammettere per Voi Gloriosi ” Continentali” che le Università meridionali non hanno nulla di che invidiare alle vostre?
    Avete mai preso visione dei programmi che siamo costretti a studiare prima di affrontare gli esami ? A tal proposito, vi inviterei a diffidare delle voci di corridoio e a “verificare” con i vostri occhi quanto viene “ignorantemente” sostenuto da gente che non sa neanche dove si trova Palermo sulla cartina geografica. Ops, scusate.. sicuramente il mio “invito” è superfluo.. dal momento che mi rendo conto di stare parlando con gente preparatissima che non parlerebbe mai “per sentito” dire !…

  33. un ignorante scrive:

    mi fa sorridere leggere questa presunzione di supremazia di chi scrive dal sud.
    Chissà perchè fino a qualche anno fa, quando non c’erano ancora le correzioni incrociate, i candidati del nord scendevano in massa a catanzaro e simili… gelmini docet.
    Io l’esame orale l’ho superato a torino e sfido qualsiasi candidato del sud a venire a fare un confronto su come viene condotto l’esame orale a torino rispetto al sud.
    Ancora oggi ci sono tanti figli di papà che fanno una pratica fittizia al sud per poi agevolarsi dell’orale in tali sedi.
    Chissà come mai… meditate gente, meditate..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Comments links could be nofollow free.

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.
www.canadian-pharmacy-review.com ]|[ buy generic cialis canadian pharmacy _,|{ buy viagra with dapoxetine